| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Arrivederci Serie A...

di Tuccio 2010, 10 Maggio 2017

Ora il verdetto è ufficiale: il Palermo è in serie B, il pareggio contro il Chievo non è servito a prolungare le illusioni, vista la contemporanea vittoria di Genoa ed Empoli, ora la nuova dirigenza potrà e dovrà iniziare a lavorare per costruire un organico che possa riportare prontamente il Palermo in serie A, un organico con giocatori di esperienza e di qualità, con un tecnico affermato ed un direttore sportivo che conosca bene la serie B.

 

Baccaglini dovrà lavorare molto per costruire una squadra che possa ritornare subito in serie A e una società agile e moderna, bisognerà chiaramente cambiare registro, in modo da avere un assetto più continuo e programmato, in modo da non ricommettere di nuovo gli stesi errori, le partite che rimangono serviranno solo per provare qualche giocatore che potrà fare parte anche del nuovo Palermo.

 

Nei prossimi giorni dovrebbe avvenire ufficialmente la cessione della Società, non si sa quanto prossimi ma credo che oramai avvenga comunque, è chiaro che in A o in B il Presidente Baccaglini avrà già da diverse settimane, pensato alle eventualità future ed avrà più o meno le idee chiare su cosa fare, il primo obiettivo da cui ripartire deve essere per forza quello del direttore sportivo.

 

Dopo i tanti nomi di giovani rampanti DS, a quanto pare ci sarebbero già stati i primi contatti con Capozucca attualmente DS del Cagliari, che stando a quanto dichiarato nei giorni scorsi da Baccaglini e cioè di volersi affidare a uomini esperti del calcio italiano, Capozucca rientra perfettamente in questa categoria.

Non appena effettuato il closing cominceranno gli incontri con i giocatori attualmente in organico, per capire tra quelli che il club vorrà tenere, quanti vorranno restare e quindi chi dovrà fare parte del nuovo progetto Palermo 2017/2018.

 

L’orientamento sarebbe quello di partire dalle conferme di Nestorovski, Rispoli, Lo Faso, Bruno Henrique e Diamanti, più uno tra i portieri Posavec, Fulignati e Marson, a cui affiancare un portiere d’esperienza (Curci) e poi si dovrebbe punterà su un gruppo con tanti giocatori italiani e che conosceranno il nostro calcio, con magari qualche rientro dai prestiti, tipo Peterman e Bentivegna.

 

Parlando di uomini esperti del calcio italiano, a questo punto io vedrei bene anche Prandelli come allenatore per vincere, mantenere e rilanciare la squadra in serie A, perché Prandelli? Se non ricordo male Capozucca lo voleva portare a Cagliari e visto che potrebbe diventare il DS del Palermo, potrebbe portarlo con se in Sicilia. Credo che Prandelli dopo le ultime vicissitudini (Nazionale, Galatasaray e Valencia), compresa quella mancata con la Lazio, abbia voglia di rilanciarsi e penso che occasione migliore non ci sia, di quella che potrebbe trovare a Palermo, diciamo una specie di Guidolin bis, anche se sembra che il nome di Ranieri per la prossima stagione non sia stato fatto a caso. Comunque ne sapremo di più dopo il tanto atteso closing.

 

Novità chiaramente potrebbero esserci anche sul fronte giocatori, lo Sporting Lisbona a quanto pare sarebbe sulle tracce di Rispoli, per il terzino già nel mirino di altri club, lo Sporting potrebbe essere l’opportunità di giocare le coppe europee e Baccaglini ha detto che lui e Nestorowski saranno premiati. A proposito di Nestorowski, il Norwich squadra di Championship inglese, in vista della prossima stagione ha annunciato ben sette partenze, tanto che dal 30 giugno Kyle Lafferty sarà lasciato libero di cercarsi una nuova sistemazione, penso che il centravanti nordirlandese, fra i protagonisti del ritorno in Serie A del Palermo nel 2013-14, possa costituire il giusto rimpiazzo per il partente Nestorowski. Per quanto riguarda il portiere esperto da affiancare quasi sicuramente a Fulignati spunta il nome del 31enne Curci attualmente svincolato e che ha espresso il suo gradimento, Jajalo ha richieste da Mainz e Hoffenheim, mentre per Morganella spunta l’interesse dall'Empoli.

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.