| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Forza con il mercato!

di Tuccio 2010, 26 Maggio 2017

Una volta conquistata l’Europa il Milan si fionda sul mercato per chiudere gli acquisti già programmati e dare l’assalto finale per quelli ancora in embrione, forti della qualificazione Europea, Fassone e Mirabelli mi stanno stupendo per impegno e programmazione, proseguono il loro intenso lavoro di ristrutturazione dell’organico senza risparmiarsi e puntando a nomi e trattative di mercato, se vogliamo a sorpresa.

 

Il giorno dopo che si è concluso il campionato spagnolo è arrivato Musacchio per sostenere le visite mediche e subito dopo il 27enne difensore del Villarreal ha firmato un contratto per 4 stagioni. Con questo sistema lunedì prossimo dovrebbe toccare a Kessiè e dopo lo spareggio e la chiusura anche della Bundesliga, dovrebbe essere il turno di Rodriguez.

 

Per quanto riguarda il reparto arretrato si è capito che si opererà con un rinforzo anche sulla destra e il nome di Conti (20 milioni) resta di attualità, si vagliano anche eventuali piani B, come: Vrsaljiko, Semedo e anche il ritorno su Aleix Vidal, possibile partente dal Barcellona per una cifra poco superiore ai 10 milioni.

 

Le prestazioni del 24enne Conti hanno attirato l’interesse di molte big (Napoli, Inter e Roma), ma il Milan ha deciso di non indugiare sull’acquisto e sfruttare la trattativa per Kessié per farla diventare un’unica trattativa, trasferimento di Kessié (oramai ai dettagli) e Conti (valutato intorno ai 20 milioni) per cui il Milan potrebbe inserire una contropartita giovane (Felicioli) che piace agli orobici e poi Conti si è detto favorevole al trasferimento.

 

Ma quello che mi ha sbalordito è stata la missione romana, inattesa e opportuna, la partita con il Bologna ha evidenziato una grandissima carenza di idee a centrocampo e una sempre più cronica sterilità in attacco, senza indugi Fassone e Mirabelli accelerano per Biglia, il Milan vorrebbe arrivare anche a Keita, ma sul senegalese ci sono la Juve e l’Atletico, mentre per Biglia si potrebbe chiudere anche nelle prossime ore.

 

Il Milan sta puntando prepotentemente su Morata e prepara comunque l’alternativa, nome che vi avevo fatto in tempi non sospetti: Andrea Belotti. Il giocatore è disponibile a vestire il rossonero, l’ostacolo è la cifra richiesta dal Torino, ma siamo solo all’inizio, il prezzo dovrà calare e poi si starebbe pensando anche ad un suo vice, non sarebbe da trascurare l'opzione Simeone in cambio di Lapadula, il “Cholito” è il tipo di attaccante adatto al gioco di Montella.

 

Le alternative a Keita restano Thauvin del Newcastle e "Papu" Gomez, a Roma Fassone e Mirabelli hanno offerto per Keita e Biglia 40 milioni ma Lotito ne ha chiesti 55, scorporando le due operazioni Biglia potrebbe passare al Milan per 20 milioni, ma si sono informati con la Roma anche per Paredes, da sempre un pallino di Montella e in esubero con l’arrivo di Pellegrini alla Roma.

 

In frenata quindi l’interesse per Luiz Gustavo, mentre non è in frenata invece la Juventus per De Sciglio, con cui è stato già definito l’accordo e ora deve trovare l’intesa con il Milan, un altro giovane terzino milanista Felicioli, animerà il mercato estivo, l'esterno difensivo classe '97 è seguito da Atalanta, Sassuolo e Sampdoria.

 

Sempre sul lato delle cessioni è molto attivo il contatto con l'Antalyaspor, con cui si è discusso di Josè Sosa; di Juraj Kucka; di Gabriel Paletta e di Cristian Zapata, magari si portassero in porto queste cessioni, oltre al ritorno economico non eccessivo (non supererebbe i 10 milioni), si libererebbero 4 ingaggi, da limare però le distanze sulle cifre con il Milan.

 

Sempre in fatto di cessioni Mati Fernandez a fine stagione tornerà alla Fiorentina per fine prestito, ma è richiestissimo dal Colo Colo, M’Baye Niang rientrerà dal Watford, ma il futuro potrebbe essere ancora in Premier nell’Everton per una cifra attorno ai 16 milioni e il Milan potrà fare cassa.

 

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.