| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

E ad un tratto un grido grifato, animalesco pervade il corpo, in pochi secondi la tensione di una selvaggia passione erompe con convulsione dall'attesa di un rude desiderio. Il fremito cresce ad ogni impulso, il rapido movimento convulso si impossessa di ogni fibra sempre più forte con ritmi serrati, si vanifica la paura e il controllo cessa. Un incessante rimpallo e scatta un tremito fugace durante la restringente azione difensiva, nell'intento di preservare. Il campo viene pigiato con vigore e smania di arrivare. In porta. Il trasporto aumenta, si rimane sospesi come al passaggio di un'onda infinita, seguendo il movimento del pallone nelle diverse direzioni, attimi interminabili, sospiri inconsulti, le distanze si dilatano e si riducono progressivamente, continuamente.

 

 

L' inesorabile pausa. E le flebili aspettative colme d'inquietudine annebbiano le sensazioni: apprensione, speranza, ansia, fiducia, incertezza, si combattono, si uguagliano, si fondono... e l'ardore divampa. Con maggior energia si segue il flusso e con attenzione il battere di ogni tiro. Si tocca lo sconforto per ogni colpo non assestato, l'adrenalina si intensifica, il nervosismo sale, imprecazioni, urla, l'agitazione, che precede il godimento, non si placa ormai irrefrenabile. All'improvviso si avvicina alla porta e la penetra di getto, un gemito... e in una sborrata si esaurisce l' euforia!

 

 

 

 

 

 

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.