| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Il Diario di Pietro: Juventus-Milan 

di Pietro Giancristiano, 14 Novembre  2019

10 Novembre 2019 il fenomeno, l’intoccabile Ronaldo, viene sostituito dalla Joya bianconera e la Juve segna. La Juventus si presenta in campo con Szczesny, Alex Sandro, De Ligt, Bonucci, Cuadrado,  Matuidi, Pjanic, Bentancur, Bernardeschi, Ronaldo ed Higuaín. 


Partenza in sordina della formazione bianconera tanto che al 4' Piatek arriva davanti a Szczesny, ma il portiere lo anticipa. Possesso palla della Juve e il Milan cerca di recuperare il pallone nella trequarti bianconera per poi partire in contropiede. Ronaldo sulla destra mette al centro una palla perfetta per Gonzalo, che tira sul primo palo,  ma Donnarumma salva. Azione immediata sull’altro fronte, palla a Suso che crossa al centro, nessuno marca Piatek che nonostante la buona posizione non trova la porta. Altra occasione al 25esimo per i rossoneri che con Paqueta, servito da Conti, colpisce di testa e la manda all’incrocio dei pali, ma Szczesny è reattivo e la devia in angolo. La juventus risponde al 30esimo con Bernardeschi che dal limite dell’area si accentra e tira di sinistro sfiorando l’incrocio. 

Un’altra occasione arriva per il  Milan, dalla sinistra Hernandez crossa al centro sponda di Piatek, per Calhanoglu che tira ma il lancio è ribattuto da Bonucci. 

Verso la fine del primo tempo Matuidi viene servito nello spazio sulla sinistra, che crossa al centro ma troppo forte. Il primo tempo si chiude con una grande occasione per il Milan. Piatek si libera in area di rigore e colpisce a colpo sicuro verso la porta della Juve, ma Szczesny effettua l’ennesimo miracolo. Il primo tempo si chiude sullo 0 a 0. 


La ripresa vede una Juventus molto più dinamica. Cuadrado salta Teo Hernandez e mette al centro un traversone teso ma Higuain non ci arriva per un soffio. Recupera palla ancora Higuain, la passa a Bernardeschi che controlla ma tira alto. Come nel primo tempo il più pericoloso è Matuidi, che al 53esimo porta la Juve vicina al vantaggio. 

Il momento decisivo della partita arriva al 55esimo minuto, Mister Sarri richiama in panchina Cristiano Ronaldo e mette in campo Dybala. L’entrata di Paulo da una scossa all’intera squadra, la Joya si rende immediatamente protagonista di un’azione che crea scompiglio nella difesa milanista. Dopo diversi minuti in cui non si creano occasioni per entrambe le squadre, al 77esimo Douglas Costa passa palla a Bentancur che serve Higuain, lancia verso Dybala che salta Romagnoli e tira di destro e batte Donnarumma. Vantaggio della  Juve e boato dello Stadium. 

Il Milan prova subito di recuperare lo svantaggio con un tiro di Calhanoglu respinto da Szczesny. Al termine della partita la Juve manca per poco il raddoppio con Higuain. 


Un buon Milan fa penare la Juventus. Primo tempo anonimo della squadra bianconera (gli zero tiri in porta ne sono la  dimostrazione). Durante la seconda fase della partita la Juve ha creduto di più nella vittoria specialmente dopo l’ingresso di Dybala, partita decisa dalla sua giocata, punendo Donnarumma per l’ennesima volta. Buoni i 3 punti e il duo HD!


Szczęsny: 7 compie due miracoli nel primo tempo su Piatek, nel secondo tempo para tutto, dando sicurezza al reparto difensivo. 


Cuadrado: 7 In fase difensiva compie due o tre interventi decisivi e poi si proietta in fase offensiva. 


Bonucci: 6.50 insieme a Szczęsny dirige la difesa e non va mai in difficoltà contro gli attaccanti milanisti.


De Ligt: 7 non perde neanche un contrasto aereo, finalmente una partita autoritaria. Questo ragazzo cresce e diventerà forte. 


Alex Sandro: 6.50 copre più che spingere,  non si rende mai pericoloso in fase offensiva. 


Matuidi: 6.50 la sua qualità è la corsa. Va al tiro due volte e  recupera tantissimi palloni. 


Pjanic: 6.50 solito regista riesce a smistare un sacco di palloni e da celerità alla manovra quando riesce, ma la squadra non lo segue come vorrebbe. 


Bentancur: 5.50 Confusionario e poco preciso. Non è mai reattivo.


Bernardeschi: 5 sbaglia un sacco di palloni, perde occasione di servire nello spazio le punte. 


Higuain: 6.50 Solito lavoro di pressing sui difensori va vicino al gol nel primo tempo ma Donnarumma riesce ad intercettare la palla.


Ronaldo: 5 E un mese che non salta più un uomo e sbaglia un sacco di passaggi.


Douglas Costa: Senza voto (troppo poco i soli dribbling per dargli un voto)


Rabiot: 5.50 dovrebbe fare la differenza a centrocampo ma nei primi minuti in campo l’ha fatta per il Milan, in quanto regala due palloni semplici agli avversari. Per il resto nulla di eccelso. 


Dybala: 8 La Joya entra con grinta e con la voglia di cambiare la partita. Fa un numero da panico: passa tra due difensori e batte Donnarumma. 


Buona sosta dal vostro gobbo Pietro.


© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.