| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Juve, che sofferenza!

di Luca Marsiglia, 07 Novembre 2017

 

Quella che doveva essere sulla carta una semplice e scontata vittoria ha rischiato di tramutarsi in un vero e proprio incubo. Il Benevento sceso in campo allo Stadium è sembrato sin da subito un lontanissimo parente del Benevento visto nelle precedenti uscite, facendo capire ai padroni di casa (per l'occasione scesi in campo con una divisa speciale in ricordo del 120esimo anno di storia bianconera) che sarebbe stata una partita tutt'altro che scontata. Aver chiuso sotto 1-0 il primo tempo è però servito a dare la scossa ai ragazzi di Allegri, tornati in campo dopo l'intervallo con un altro piglio e un'altra aggressività. Il sogno giallorosso non si protrae dunque a lungo e si infrange contro la classe dei bianconeri, che dopo vari tentativi offensivi andati a vuoto o respinti dalla retroguardia ospite, capitalizzano in rete grazie ad Higuain e Cuadrado. Rinviato dunque ancora una volta l'appuntamento con i primi storici punti in serie A per la compagine allenata da De Zerbi, ferma ancora a quota 0 dopo ben 12 giornate.

 

Complici i passi falsi di Inter e Napoli (quest'ultimo fermato sul modesto campo del Chievo), la Juve rosicchia preziosi punti alle rivali e sale in classifica a quota 31, ad una lunghezza di distanza sia dalla capolista Partenopea che dagli uomini di Spalletti, scesi al terzo posto. Dopo un inizio di stagione altalenante e che aveva fatto dubitare i più scettici circa l'andamento di questo campionato bianconero, la situazione sembra essere tornata alla normalità, anche se aver battuto il fanalino di coda con una prestazione non eccelsa rimane una macchia su cui interrogarsi.

 

Il prossimo impegno vede la squadra di Capitan Buffon impegnata a Marassi contro la sorprendente Sampdoria, fresca di vittoria nel derby della lanterna e attualmente in sesta posizione a quota 23 punti.

 

 

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.