| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Juve: allarme infortuni alla vigilia del Napoli

di Luca Marsiglia, 31 Marzo 2017

Ci siamo quasi: il big match che vedrà contrapporsi Juventus e Napoli è alle porte. Alle 20:45 di domenica sera il San Paolo farà tremare i bianconeri ed ospiterà questo attesissimo confronto, che è ormai diventato un classico degli ultimi anni, ed in particolare di questa stagione, dato che grazie alla Coppa Italia le strade di bianconeri e partenopei si stanno incrociando numerose volte.

 

Non è però la migliore delle attese quella che stanno in questi giorni vivendo in casa Juve, dove dopo il clamore suscitato per l'abbandono del ritiro azzurro di Andrea Barzagli per motivi familiari, si è appreso che l'infortunio di Pjaca (rottura legamento crociato anteriore) lo terrà lontano dal campo fino a fine stagione, e nelle ultime ore pare si sia infortunato anche l'altro croato, Mario Mandzukic (infiammazione al ginocchio sinistro).

 

E se il primo ha sempre rappresentato una alternativa o una pedina da schierare a partita in corso, altrettanto non si può di certo dire a riguardo di Mandzukic, diventato una pedina fondamentale e quasi onnipresente nello scacchiere di Allegri. Sembra dunque proprio piovere sul bagnato.

 

A questo punto è probabile ipotizzare che tra i pensieri di Allegri ci sia all'orizzonte un cambio di modulo, non potendo schierare, almeno per la prossima sfida, il gigante croato come esterno offensivo.

 

Per quando riguarda la trasferta partenopea, sono state smentite le voci secondo cui la Juve potesse traslocare a Posillipo o nell'avellinese proprio per evitare inconvenienti nella città napoletana: confermato invece l'approdo blindato in un hotel del centro, con misure di sicurezza elevatissime e pari a quelle della recente sfida interna contro il Real Madrid.

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.