| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Il Diario di Pietro: Juventus-Verona 

diPietro Giancristiano, 23 Settembre  2019

Sabato mattina, si torna a casa nostra dopo la trasferta a Firenze . Viaggio tranquillo forse anche troppo, penso che molti di noi tifosi si aspettassero una partita facile da portare a casa, magari con una goleada, invece è stata sudatissima contro un ottimo Verona. Un Verona per 90 minuti mai indomito  ci pressa alti e non molla una palla. La Juventus presenta molti cambi in campo:  a partire dal portiere, titolare Gigi Buffon (presenza 902 in campionato di serie A), insieme a lui debutto stagionale da titolari per Aron Ramsey , Demiral , Bentancur e Dybala. Formazione di partenza Buffon, Danilo Demiral Bonucci AlexSandro, Ramsey Bentancur Matuidi, Cuadrado Dybala Ronaldo.


La Juve parte con forte pressing alto ma dura pochi minuti, il Verona corre molto di più e appena recupera palla si proietta verso la porta di Buffon. I gialloblù non permettono manovra a Bentancur, e questo si nota perché non c’è una manovra fluida per la squadra bianconera. Per non parlare delle difficoltà di Demiral nel marcare Di Carmine tanto da procurare il rigore per l Hellas al 19' minuti.

Va sul dischetto lo stesso Di Carmine che tira e prende in pieno il palo, la palla rimane in gioco e finisce sui piedi di Lazovic, tira e prende la traversa in pieno (vi confesso che stavo prendendo in giro i tifosi del Verona dopo questi due legni!) ma l'azione non è finita tanto che la palla finisce tra i piedi di Veloso che toglie le ragnatele dall'incrocio della porta di Buffon. Uno a zero Verona!


Tutta la nord zitta, si sentono solo le urla e le prese per i fondelli da parte del settore ospiti. La Juve ricomincia con un po’ più di grinta di prima e infatti al 31' troviamo il pari con un tiro da fuori del debuttante Ramsey ( leggera deviazione del centrale del Verona che spiazza il portiere e fa finire la palla nell angolino basso).

Nonostante il pari la squadra ospite continua a pressare alto e a dar fastidio al gioco della Juve. Tante palle perse e passaggi sbagliati dei giocatori in maglia bianconera. Si va al riposo senza grandi emozioni e il punteggio resta sul 1 ad 1.


Pronti via e ad inizio secondo tempo la juve passa in vantaggio. Palla recuperata a centrocampo da Danilo, lancia in profondità a Cuadrado che supera in velocità il proprio marcatore che sceglie di stenderlo appena entrato in aria: rigore Juve. Sul dischetto si presenta Ronaldo che con la sua solita freddezza realizza il 2 a 1. La partita sembra andare via tranquilla a favore della compagine bianconera, la quale non riesce a chiuderla. Troppo poco i due tiri di Dybala e Danilo e il colpo di testa di Cuadrado. Verso fine partita inizia a salire l'ansia per i tifosi di casa. La squadra è stanca e lo si vede, tanto da rivitalizzare la squadra ospite che all 88' va vicino al pari per due volte ma San Buffon salva il risultato. Triplice fischio del giudice di gara e lo Stadium esplode.


Una mediocre Juventus porta a casa la vittoria. Buono solo il risultato e pochi singoli. I migliori in campo sono stati Buffon , Matuidi, Ronaldo Cuadrado e Ramsey. Da rivedere Bentancur al posto di Pjanic e Demiral che ha sofferto per tutta la partita gli attaccanti del Verona e presumo anche la pressione di giocare con questa maglia.


Da Torino è tutto dal vostro Gobbo Pietro

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.