| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

                                              La mia prima volta allo Stadium

                                                                               di Pietro Giancristiano, 12 Settembre  2019

 

La sfida tra Juventus e Napoli è stato il battesimo allo Stadium della mia amica Elisa. Elisa è una ragazza che vive in provincia di Torino e a causa del suo lavoro che la porta a lavorare il sabato e la domenica, non è mai riuscita a vedersi una partita della sua amata Juventus. Grazie alla mia ‘intromissione’ sono riuscito a trascinarla allo stadio. Per questa occasione speciale ho deciso di farle qualche domanda per raccontare le sue emozioni.


Ciao Elisa, ti è piaciuta la partita ieri sera?
Mi ritengo fortunata ad aver visto la Prima partita di campionato allo Stadium con una big e con tanti gol. È stata una esperienza bellissima. Spero che la difesa e la tenuta del campo sia più di continua con l’andare delle partite. Azioni molto spettacolari e un sacco di emozioni altalenanti con l’esplosione finale.


La prima domanda per eccellenza doveva essere , da dove è nata la passione per la Juventus?
La passione per i colori Bianconeri li ho ereditati in famiglia, ho molti parenti juventini con il maggior interesse per la nostra amata Juventus dalla vittoria, aimè, della ultima nostra Champions


Qual è il tuo giocatore preferito del passato e del presente?
Beh mi sono innamorata di David Trezeguet durante gli europei del 2000 quando, aimè, ci ha battuto in finale con la Francia. Ho saputo dopo che avrebbe vestito in nostri colori. Della formazione attuale, sarebbe scontato rispondere Ronaldo, mi ispirano molto Danilo, Douglas Costa e Demiral.


Arriviamo alla partita di sabato sera. Chi è stato per te il migliore in campo?
Per la Juventus su tutti Douglas Costa, i due assist sono stati sublimi, anche Higuain ha fatto una gran partita. Per il Napoli, Lozano quando è entrato ha creato tanti problemi ai nostri difensori.


Che sensazioni avevi prima della partita ?
Ero molto emozionata a livello positivo. Nervosa positivamente. Fine primo tempo ero felicissima. La sensazione più bella è stata al momento del fischio di inizio che ho immaginato come potesse andare la partita.


Alla fine del primo tempo hai visto la Juventus avanti di due gol, che sensazioni hai provato al momento del gol di Higuain, il grande ex?
Ho pensato a tutti i suoi problemi della scorsa stagione: ceduto prima al Milan e poi al Chelsea. Ho pensato che adesso si ritrovava davanti la sua ex squadra, criticato e insultato. Sono davvero contenta di riaverlo in squadra e che il gol ha il sapore della rivincita. Sarà fondamentale per la nostra stagione.


Al gol di Ronaldo hai considerato la partita chiusa ?
Si, l’ho pensato perché contavo sul controllo della partita senza cali di tensione.


La tua opinione dopo il pareggio?
Dopo il 3-2 mi aspettavo arrivasse il pareggio perché abbiamo perso attenzione sulla fase difensiva ed ero molto arrabbiata al goal del pari, ma era evidente che i calciatori erano stanchi.


Qual è il ricordo più bello che ti ha lasciato la partita ?

Ne ho due di ricordi indelebili. Uno ad inizio partita e l’altro alla fine. Il primo quando ho sentito il nostro inno cantato da tutto lo stadio è stato un brivido continuo e mi piacerebbe sentire lo stadio cantare per tutta la partita! Il secondo quando Koulibaly ha fatto l’autogol perché proprio inaspettato e ha riempito di emozioni contrastanti ! Ero piena di adrenalina e felicissima ma un po’ triste per Koulibaly.


Si è parlato tanto del gioco di Sarri hai avuto modo di vederlo applicato nel Napoli in questi anni a che punto pensi sia la squadra come assimilazione movimenti ?
Ho notato che gli allenamenti hanno portato la Juve a costruire più da dietro e cercare di far arrivare la palla con passaggi negli spazi e conclusioni a rete. E mi piacerebbe vedere come starà la squadra a dicembre quando iniziano a delinearsi campionato e Champions e poi c’è in palio il primo trofeo: la supercoppa italiana


Dopo aver provato cosa vuol dire entrare in ‘casa tua’ pensi di tornarci?
Ma sicuramente si. Adesso che ho visto cosa si prova allo stadio cercherò di tornare e vedermi la mia Signora del vivo! Fino alla fine forza Juventus


Bene dopo aver sentito le sensazioni e le emozioni provate da Elisa per la sua prima allo stadium. Auguriamo un buon campionato a tutti i tifosi della serie A che ghiotti di adrenalina si recano ogni fine settimana allo stadio per seguire la loro passione e provare le emozioni uniche che si provano a vedere una partita dal vivo. Potete seguire la mia amica Elisa Chiara anche su Instagram. Saluti da il vs Gobbo Pietro e dalla sua amica Gobba Elisa


© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.