| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

No!Man of The Week: l'Empoli

Giovanni Cardone, 31 Maggio 2017

⁠⁠⁠Non era mai successo nella storia della nostra serie A che una squadra che aveva chiuso il girone di andata con soli 9 punti alla fine della 38° giornata si sarebbe ritrovata a festeggiare una così meritata salvezza.

 

Questa favola firmata Crotone però non è dovuta solo ai grandi meriti della formazione di Nicola, ma una grande componente di questo evento è merito del suicidio sportivo dell' Empoli dell' ischitano Martusciello che Domenica sera a Palermo ha messo la ciliegina sulla torta del suo tremendo campionato.

 

Mentre infatti il Crotone faceva il suo dovere in casa contro la Lazio archiviando la pratica già dopo soli 22 minuti, a Palermo la squadra biancoceleste giocava la sua solita partita dai ritmi scialbi con la speranza che prima o poi qualcosa a loro favore sarebbe successo.

 

Infatti anche nell' ultima sfida di campionato i toscani non hanno mai pensato neppure per un momento di lanciarsi all' attacco fin da subito, magari speranzosi che come già accaduto contro Bologna e Milan fossero state poi le amnesie difensive degli avversari a concedere i 3 punti agli empolesi.

 

Il Palermo invece fin da subito non solo decide di fare la partita dettando i ritmi di gioco, ma riesce anche a mantenere una solidità difensiva mai vista fino ad ora in campionato; ed è così che l'unica occasione dell'Empoli in tutto il primo tempo è solo una punizione di Zajc ben controllata da Fulignati.

 

Il thè caldo negli spogliatoi ha quasi un effetto calmante sui toscani, cosicché il ritorno in campo nel secondo tempo è quasi più flemmatico del primo, con la noia che pian piano prende il sopravvento.

 

Un gran destro di Krunic è come un fulmine a ciel sereno nel nulla più totale, ma questa volta ai ragazzi d i Martusciello non va come previsto e il pallone si spegne sul fondo dopo aver sfiorato il palo.

Quando manca solo un quarto d'ora alla fine della gara è purtroppo l' Empoli ad averla l' amnesia difensiva e così Nestorovski è libero di intaccare indisturbato il bel cross di Rispoli.

 

Nemmeno il tempo di metabolizzare il colpo e Dioussè sceglie di perdere un pallone sanguinoso in fase di impostazione regalando a Bruno Henrique l' assist perfetto per un magico pallonetto che vale il 2 a 0.

 

Krunic accorcia le distanze, ma il tempo scorre inesorabile, e 4 minuti di recupero sono troppo pochi anche solo per pensare di poterla ribaltare.

Ed ecco che l' unica cosa da fare è ammirare il Crotone in festa, perché per una volta nel calcio governato dai tanti milioni abbiamo avuto la prova che i risultati e le imprese più belle sono quelle conquistate con il cuore di chi non smette mai di crederci...

Varcaturese Doc., ma con il cuore platealmente in tinte nerazzurre; sono stato uno dei primi a cogliere per questioni di centimetri al volo la brillante idea di un amico, e a divenirne ben presto parte integrante.

Folgorato dall' amore per la beneamata, ma ancor prima per quello che è lo sport più bello del mondo, sarò ben lieto di accompagnare tutti voi in questo lungo viaggio, non mancando di sottolineare anche con un velo di sottile ironia tutto ciò che ruota intorno alla magica sfera che ogni domenica riempie in nostri cuori.

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.