| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

No!Man of The Week: Zhang Jindong, detto Suning...

Giovanni Cardone, 10 Maggio 2017

⁠⁠⁠Per l' ennesimo mercoledì sera vi regaliamo in clamoroso ritardo la sempre più piccante edizione del "No Man of the week", ma questa volta il giorno di attesa non solo ci ha portato consiglio riguardo il tema da scegliere, ma addirittura ha ben pensato di regalarci quello che promette di essere la notizia peggiore non solo della settimana, ma forse di mesi interi.

 

Non ci riferiamo ovviamente alla storica finale di Cardiff appena conquistata dalla Juventus, ma ad un comunicato stampa emanato con perfetto tempismo dall' ufficio stampa dell' FC Internazionale alle 22 e 30, quando la partita dei bianconeri volgeva in sicurezza verso la fine; il fine principale di questo comunicato era quello solito... competere con gli eterni rivali nel Derby d' Italia, e dato che sul campo il divario è fin troppo netto, serviva l'ennesima notizia show che avrebbe portato ad un vero e proprio ribaltone mediatico.

 

Ed ecco che il gruppo Suning decide di tirare fuori il coniglio dal cilindro, e con poche sintetiche righe scarica Stefano Pioli sollevandolo dal proprio incarico sulla panchina interista, ed affidando la squadra per le ultime 3 partite a mister Vecchi che già aveva traghettato questi ragazzi nella vittoria per 3 a 0 contro il Crotone.

 

Con questo esonero Suning mette in secondo piano anche la grande percentuale di esoneri formalizzati da massimo Moratti nella sua lunga carriera presidenziale; 3 esoneri in un anno infatti non si vedevano da tempo sulla panchina dell'Inter e in media con il focoso Zamparini dei tempi d'oro.

 

Resta da capire il motivo di questo esonero del tutto inspiegabile; certo Pioli non stava riuscendo a mantenere gli ottimi ritmi dei suoi primi mesi in nerazzurro, viaggiando all'orrenda media di un solo punto al mese, ma esonerarlo a stagione praticamente conclusa oltre che assumere le nette sembianze di un umiliazione che di sicuro il tecnico non meritava, pare essere l'ennesima azione avventata di una dirigenza che sembra ormai una banda di dilettanti allo sbaraglio.

 

Con questo esonero praticamente si è scelto di non provare a conquistare l'accesso in Europa League, perché, seppur di qualità eccelsa, una squadra autogestita difficilmente può convogliare verso la giusta direzione i molteplici interessi personali di ogni singolo giocatore.

 

Obbligati quindi a guardare al futuro non tanto prossimo, è doveroso scegliere un allenatore che sia adatto alla panchina più rovente di tutta la serie A, occorre un uomo di grande esperienza sia nazionale che internazionale, un sergente di ferro capace di mettere in riga i vari cervelli dei giocatori e allo stesso tempo di metterne in moto le gambe; i due nomi che già circolano all' impazzata tra le teste di tutti i tifosi nerazzurri sono quelli di Antonio Conte e Diego Simeone, mentre il primo però difficilmente potrebbe abbandonare la panchina del Chelsea perché ansioso di provare la sfida Champions, il secondo potrebbe invece decidere finalmente di cambiare aria perché scottato dall' ennesima delusione proprio in quella Champions che a Madrid sponda Atletico sembra essere sempre più maledetta...

Varcaturese Doc., ma con il cuore platealmente in tinte nerazzurre; sono stato uno dei primi a cogliere per questioni di centimetri al volo la brillante idea di un amico, e a divenirne ben presto parte integrante.

Folgorato dall' amore per la beneamata, ma ancor prima per quello che è lo sport più bello del mondo, sarò ben lieto di accompagnare tutti voi in questo lungo viaggio, non mancando di sottolineare anche con un velo di sottile ironia tutto ciò che ruota intorno alla magica sfera che ogni domenica riempie in nostri cuori.

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.