| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Palermo senza dignità

di Tuccio 2010, 06 Aprile 2017

Il Palermo ha perso l’ultima occasione per avvicinarsi all'Empoli e provare concretamente a raggiungere il quartultimo posto in classifica, una sconfitta pesante non solo nel risultato, ma soprattutto nella dignità sportiva di una squadra che dopo essere passata ancora una volta in vantaggio, si fa recuperare ed infliggere un passivo pesante anche da squadre senza nessuno stimolo di classifica.

 

Contro il Cagliari obiettivamente, dopo il primo tempo sembrava impossibile che i rosa si facessero rimontare, quello che si era visto in campo, il risultato positivo, tutto lasciava pensare che la svolta fosse arrivata al momento giusto ed invece, nella ripresa è successo come sempre che in campo scendeva un altro Palermo, una squadra senza idee, senza gioco e senza mordente che è andata in balia dell’avversario. Ora però è davvero finita, la lotta per la salvezza o meglio la permanenza in serie A è veramente finita, del resto non poteva essere diversamente, una retrocessione annunciata quest’estate con un mercato di infimo profilo, questa squadra non ha mai dato segni di ripresa o di cambiamento, ha commesso sempre gli stessi errori, nonostante le diverse guide tecniche che si sono alternate.

 

Grande Ballardini, come sapete è un allenatore che stimo tantissimo, lui dopo le promesse non mantenute dal nostro caro Zamparini e sapendo che con questa squadra la salvezza non sarebbe mai arrivata, nemmeno se l’avesse allenata Mourinho, ha sottolineato la disperata situazione dimettendosi dopo sole due giornate, in pratica quella è stata la comunicazione della retrocessione in serie B.

 

Difficile o meglio è impossibile spiegare questo calo mentale, che forse è coincidente anche ad un calo fisico, nella ripresa come contro Torino ed Udinese. Il crollo mentale può avvenire una, due, tre volte ma non sempre, anche perché stai vincendo, non sei in situazione di stress perché devi recuperare. Ora questa squadra avrà la capacità di andare a vincere a San Siro con il Milan ? Perché solo così si potrà ritornare a sperare.

 

Se proprio si doveva retrocedere, avevamo chiesto di farlo dignitosamente ed invece abbiamo fatto il minor numero di punti in serie A nella vita del calcio, abbiamo vinto solo una volta in casa e perso 13 volte su 16, potevamo retrocedere lo stesso, per carità nulla di male, ma dovevamo farlo meglio, con dignità, arrendendoci solo all’ultima giornata.

 

Oramai è giusto pensare all'anno prossimo e in un futuro migliore, Baccaglini ed il suo staff dovrà rifondare un’intera squadra (dalla rosa attuale sono davvero pochi i giocatori che dovrebbero essere riconfermati) e se vogliamo anche nuovi dirigenti e allenatori, mettiamo una bella pietra sopra e ricominciamo, ma facciamolo bene. Serviranno giocatori di esperienza, da affiancare ai giovani, un giusto mix ma no come quello che si è visto in questa stagione, speriamo che veramente Zamparini non si occupi più di calcio a Palermo, grazie ma a cosa è valso avere fatto 100 e poi con gli ultimi sei o sette anni, avere perso questo 100 con tutto l’1 (detto prettamente palermitano).

 

Non è servita a niente la lezione dello scorso anno, non è servito aver rischiato di retrocedere in B, ora ricostruiamo, entusiasmo compreso, senza fretta di raggiungere immediatamente la serie A, del resto dei 60 milioni di euro di paracadute per chi retrocede in Serie B, anche se verranno distribuiti l’anno successivo, 25 milioni di euro ci spettano perché siamo la squadra che è stata 3 anni in Serie A.

 

Dopo l’ultima promozione, c’è stata l’anno della salvezza con Jachini, l’anno della salvezza con Ballardini e quest’anno con la retrocessione con Lopez, 15 milioni di euro non li prenderà nessuno perché Crotone e Pescara (che retrocederanno anche loro) non sono squadre che sono da 2 anni in Serie A, a loro toccheranno 10 milioni di euro perchè squadre che sono da 1 anno in Serie A.

 

In questo caso c’è una quota residuale di 15 milioni, questa viene destinata al club retrocesso con 3 anni di anzianità in Serie A (il Palermo) nel caso in cui questo non venga immediatamente promosso, quindi non abbiamo nessuna fretta, possiamo e dobbiamo ricostruire con calma ma con basi solide, per tornare in serie A e restarci piazzandoci sempre sul lato sinistro della classifica.

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.