| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

La salvezza in quattro giornate

di Tuccio 2010, 15 Marzo 2017

Neanche stavolta i rosanero sono riusciti ad accorciare il distacco con l'Empoli che ha perso la quinta partita di fila e occupa sempre il quartultimo posto in classifica. La partita con la Roma è stato un test probante considerato il divario che esiste tra le due formazioni e non era certamente contro i giallorossi che si ambiva a prendere punti, ma il Palermo per mantenere la categoria deve aggiudicarsi le altre gare più abbordabili e sperare che l’Empoli continui a perdere. Le gare vanno sempre più a diminuire e bisogna sfruttare le poche occasioni rimaste. Ora bisognerebbe andare a vincere in casa dell'Udinese che ha poco da chiedere al campionato e considerato che l'Empoli giocherà in casa contro il Napoli, si potrebbe eventualmente accorciare di tre punti questo fatidico distacco per i rosanero. Non bisognerà perdere questa occasione, perché sistemarsi a 4 punti dalla salvezza, a nove partite dalla fine e soprattutto con lo scontro diretto all’ultima giornata in casa, ti dà la spinta necessaria per continuare a credere nella possibilità di raggiungere quella insperata impresa chiamata salvezza.

 

Alla giornata successiva ci sarà poi Roma-Empoli e Palermo-Cagliari. Se siamo bravi e veramente convinti della salvezza, tra Udinese e Cagliari e quindi nelle prossime due partite dobbiamo prendere almeno 4 punti, dando per scontato due sconfitte per l’Empoli, ci metteremmo così a meno 3 a otto gare dalla fine, anche perché alla 12° giornata l’Empoli può battere il Pescara in casa e noi possiamo perdere con il Milan e i punti di distacco diventerebbero 6.

 

Alla 13° giornata potremmo rimettere le cose a posto ovvero tornare a meno 3, battendo il Bologna al Barbera e sperare nella vittoria scontata della Fiorentina sull’Empoli, mentre alla 14° giornata con Milan-Empoli e Lazio-Palermo le cose resterebbero invariate, ma sicuramente alla 15° giornata con Empoli-Sassuolo e Palermo-Fiorentina la differenza potrebbe diventare di nuovo di meno 4 e speriamo non più di tanto.

 

Dalla 16° giornata le cose si fanno difficili perché l’Empoli può vincere con il Bologna e noi a Verona con il Chievo dobbiamo almeno andare a pareggiare e da meno 4 torneremmo a meno 6, alla 17° giornata il Cagliari ci deve fare il favore di battere l’Empoli e noi in casa dobbiamo asfaltare il Genoa tornando a meno 3 a due giornate dalla fine.

 

Il “giallo” si avvierebbe a conclusione alla 18° giornata sé l’Empoli pareggia con l’Atalanta mentre noi dobbiamo andare a prendere per forza almeno un punto a Pescara mantenendo così invariato il distacco di 3 punti e poi alla 19° ed ultima giornata a Palermo basterà battere l’Empoli con 2 gol di scarto per restare in serie A, certo sé andiamo a vincere a Pescara è meglio, perché basterebbe vincere con l’Empoli anche con un solo gol di differenza. Quattro partite da domenica fino a Pasqua, che decideranno il destino del Palermo, un mese per riaprire o chiudere definitivamente i giochi.

 

Contro la Roma il Palermo nei primi dieci minuti ha fatto bene, poi ha sofferto sulle fasce e nel secondo tempo con l’ingresso di Diamanti ha fatto di nuovo molto bene. Diamanti è entrato e finalmente ha fatto quello che sa fare, la partita soprattutto nel secondo è stata una buona partita, pur evidenziando grandissimi limiti tecnici e d’organico, si deve migliorare e si deve farlo presto e con ogni mezzo, ci sono due partite importanti e bisogna prepararle al meglio, non possiamo fare goal solo con Nestorovski però...

 

Serve che vadano a rete anche gli altri, gli attaccanti esterni per primi, Embalo deve continuare a lavorare, ma devono migliorare tutti e a maggior ragione il discorso vale anche per Sallai e Balogh, Fulignati non è andato male ma deve ancora crescere, anche per lui come per Alastra sarebbe il caso che andasse a giocare, magari in lega pro ma deve giocare per crescere, giusto far riposare Posavec per farlo tranquillizzare, in questo periodo non è molto libero mentalmente.

 

Contro la Roma per Baccaglini è stata la prima da presidente, americani contro, Pallotta contro Baccaglini ma non mancano i dubbi sulla nuova società e sul fondo Integritas Capital, si è parlato di due scatole vuote e durante la conferenza stampa di presentazione non ha voluto dare alcun dettaglio sulla dimensione economica del fondo di cui è cofondatore.

 

Qualcuno ha pure preso le di distanze dichiarando di non conoscere Baccaglini, mentre qualche altro ci rassicura sulla forza economica del fondo, che può investire anche in attività più importanti del Palermo, lui dice che soldi ci sono, che c'è possibilità di fare investimenti in un certo modo, staremo a vedere.

 

Il nuovo presidente non è ancora proprietario e dovrebbe esserlo comunque entro qualche settimana, ha parlato con il Sindaco per lo stadio che ha priorità e poi si penserà anche al centro sportivo. Baccaglini vuole gettare le basi per un progetto vincente, dovrebbe seguire tutte le partite del Palermo e finalmente avremo un Presidente che parteciperà da vicino alle sorti della propria squadra, presente ma non invadente.

 

Baccaglini ha avuto parole di elogio per Diego Lopez considerata una persona eccezionale e che ha tantissima voglia di far bene, serve entusiasmo per tirarsi fuori dal tunnel e Schillaci al Palermo potrebbe dare una spinta importante, Baccaglini è possibilista. Sul fatto che un ex giocatore come lui nel Palermo del futuro e per la città rappresenti moltissimo, non ci sono dubbi ma bisogna vedere con che atteggiamento arriva in società, per quello che mi ricordo io è un tantino supponente...

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.