| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Sorpasso in curva...

di Tuccio 2010, 10 Aprile 2017

Dopo il pareggio di Pescara e specialmente dopo l’inatteso KO dell’Inter con la Sampdoria, il risultato sapeva di beffa, vincendo con il Palermo in concomitanza con un altro inatteso stop dei cugini a Crotone, il Milan li ha scavalcati di due punti recuperandone quattro in sette giorni. Il Milan visto contro il Palermo è apparso solido, compatto ed in uno stato di forma importante, un Milan totalmente diverso da quello di Pescara, con Kucka e Suso protagonisti di questo cambiamento.

 

Il Milan con 57 punti si trova al sesto posto a -3 dalla Lazio quarta, lo scorso anno la quarta era la Fiorentina a 56 e il Milan era sesto ma a 49, con una classifica del genere dopo trentuno giornate, il Milan sarebbe stato quarto, ha fatto 8 punti in più ed è nella stessa situazione dello scorso campionato.

 

Adesso il derby sarà oltremodo decisivo, l’Inter dopo due sconfitte brucianti deve riscattarsi e rimettere in gioco la sesta piazza, il Milan ha la possibilità di mettere i neroazzurri a cinque punti di distanza e chiudere il discorso Europa a suo favore, cosa che domenica scorsa sembrava essere sfumata definitivamente. Il derby arriverà al termine di una settimana che potrebbe segnare il cambiamento societario, pare proprio che stavolta il Milan sia destinato a passare a Yonghong Li, i soldi sono arrivati e saranno già visibili, poi giusto il tempo tecnico del trasferimento e a fine settimana si dovrebbe mettere nero su bianco.

 

Con il direttore sportivo Mirabelli ci sarà D'Ottavio, ex capo scout del Torino e già al Sunderland con lo stesso Mirabelli, saranno loro a sostituire l’accoppiata Maiorino – Tremolada, mentre per il Sud America è stato scelto Sasà Monaco e per lo scouting under 16 sarà confermato Mauro Bianchessi, scopritore di tutti i giovani del Milan, Donnarumma e Locatelli per citarne solo due.

 

Come dicevamo si cominciano a muovere le strategie di mercato e prima ancora quelle per le panchine, Allegri continua con la Juventus e Conte rimane a Londra, Simone Inzaghi resta sulla panchina della Lazio ed invece la Roma cambierà per volere di Spalletti che potrebbe essere sostituito da Gasperini.

 

Sarri resterà al Napoli, ma non si sa cosa succederà all’Inter, perso Conte se dovesse tornare Mourinho e non dovesse accettare Spalletti, conferma per Pioli, anche nella Milano rossonera Montella è legato alla conquista di un posto in Europa e al closing, dovesse rimanere Berlusconi (improbabile) Montella lascerebbe il Milan ma, Fassone e Mirabelli pur stimando “l’aereoplanino”, a mio personale parere metteranno Mancini sulla panchina milanista.

 

A me Montella non dispiace e Mancini non mi piace, ma credo che alla fine tutti gli interisti cacciati dai cinesi, troveranno “ricovero” dagli altri cinesi di Milano, giusto per completare il discorso sulle panchine, alla Fiorentina arriverà Di Francesco, al Sassuolo molto probabilmente Oddo (mi piace), al Genoa non resterà Mandorlini, mentre la Sampdoria rinnoverà con Giampaolo.

 

Per il mercato, Suso avrà il rinnovo mentre De Sciglio andrà via, le prestazioni del 23enne Deulofeu hanno convinto il Milan a volerlo acquistare a titolo definitivo, ma il Barcellona pare che lo voglia richiamare e tenere in prima squadra. Ne parleranno col nuovo allenatore dei blaugrana e decideranno cosa fare.

 

Bacca non ha superato l’esame e non rientrerà nei piani del Milan che sta cercando un attaccante, il sogno è Aubameyang (costa troppo) e poi pare che i Blancos siano già sul calciatore e pare pure che Mirabelli sia già a lavoro per Benzema del Real Madrid, che potrebbe lasciarlo partire in caso di arrivo di Aubameyang.

 

Per portarlo via dal Bernabeu serviranno circa 50-60 milioni e quelli si possono pure trovare, quello più difficile è trovare gli 8 milioni a stagione, è inutile dirvi che tra i tanti Benzema è il mio preferito, ma credo che dovremo accontentarci di un piano B con situazioni più abbordabili, Alexis Sanchez o Alvaro Morata, un’altra ipotesi potrebbe essere Lacazette, per non escludere Aguero diventato riserva di lusso nel Manchester City.

 

Il Barcellona sembra abbia deciso di esercitare il diritto di recompra per Deulofeu e al termine della stagione verserà 12 milioni nelle casse dell’Everton, ma il calciatore non dovrebbe restare, infatti si tratta di un’operazione economica, Deulofeu adesso vale una cifra vicina ai 20 milioni, il Milan è ancora bloccato dal closing e nel frattempo potrebbero arrivare altre proposte per il calciatore, come è successo per Daud e Kolasiniac.

 

Quindi l’attacco del Milan per la prossima stagione potrebbe essere da destra a sinistra: Suso, Aguero e Bonaventura, considerato che a centrocampo potrebbe arrivare Luiz Gustavo, costo del cartellino circa 10 milioni di euro, ma serve rinforzarsi anche in difesa, la nuova società non intende rinnovare con Paletta, a far coppia con Romagnoli dovrebbe esserci Musacchio e a completare il pacchetto dei centrali ci sarebbe il 28enne Simon Kjaer del Fenerbahce, valutato sui 12 milioni.

 

In previsione della cessione di Bacca, il centravanti giovane talento del Porto Andrè Silva entra nell’orbita del Milan, costa quanto Morata e Benzema, ma ha un ingaggio inferiore, il Milan poi dovrebbe completare e ringiovanire la rosa, con giovani già affermati, piacciono in particolar modo Andrea Conti dell’Atalanta, Lorenzo Pellegrini del Sassuolo e Ezequiel Barco, trequartista classe 1999 dell'Independiente.

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.