| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

The Man of The Week: I Ragazzi di Rosario!

di Giovanni Cardone, 13 Marzo 2017

È appena l'ottavo minuto di Inter-Atalanta, dopo uno splendido traversone di Candreva non intercettato da Perisic, il Papu Gomez ha appena fatto la barba al palo alla sinistra di Handanovic facendo tremare tutta la curva Sud; la partita è bellissima, ci sono capovolgimenti di fronte continui ed entrambe le squadre accettano l' uno contro uno in ogni zona del campo, sembra di assistere ad un match di Premier League e io forse avevo già scelto chi e cosa osannare nel mio articolo settimanale.

 

Nel tourbillon di occasioni su entrambi i fronti pian piano iniziano ad emergere le qualità dei 22 in campo, ed è proprio dai piedi di chi non ti aspetti che parte la giocata che spacca la partita, così il favoloso lancio di Gary Medel mette in porta Icardi e costringe al fallo Toloi regalando una punizione pericolosa all' inter.

 

Batte male Banega, devia la barriera e si aggira una palla vagante in area, inutile dire chi se l' aggiudica, da vero rapace d' aria di rigore, e regala il vantaggio all' Inter.

 

L' Atalanta scottata dopo il colpo subito non riesce a reagire e anzi accusa lo strapotere del numero 9 nerazzurro, Mauro prima si procura un rigore da lui stesso trasformato, e poi mette in ghiaccio la partita deviando di testa un cross pennellato di Banega.

 

Sono passati solo 26 minuti e tutto sembra già finito, abbiamo già capito chi si porterà a casa il pallone della partita, e io già penso a cosa scrivere del ragazzo di Rosario; nemmeno il tempo di finire di pensare e sale in cattedra un altro ragazzo, un po' più vecchiotto del primo, ma che condivide con il primo la città natale, Ever Banega infatti prima castiga Berisha da centro area finalizzando un cross di Candreva e poi non contento firma il poker in un azione fotocopia; è delirio nerazzurro!

 

Se iniziava a venirmi qualche dubbio sulla scelta del migliore, a mandarmi ancora più in confusione dopo il golasso di Gagliardini ci pensa ancora il vecchietto di Rosario beffando su punizione Berisha sul suo palo; sono quindi 3 a testa per entrambi e una doppia standing ovation regalata a loro dal caldissimo pubblico di San Siro.

 

Molto più di una nota di merito va fatta però anche a tutti i loro compagni, da una linea difensiva mai vista così sicura e precisa, passando per i due mediani Kondogbia e Gagliardini che sembrano giocare insieme da anni, fino ad arrivare a Candreva e Perisic che fanno continuamente fuoco e fiamme sulle fasce; questa inter insomma promette bene e forse per la prima volta in tutta la stagione sembra fatta da 23 uomini che marciano a gran velocità tutte nella stessa direzione, ora a 10 partite dalla fine del campionato sono solo 6 i punti di distacco dalla zona Champions, considerando che tra queste sfide c' è anche lo scontro diretto contro il Napoli, a questa velocità di marcia sognare è molto più che lecito...

 

 

Varcaturese Doc., ma con il cuore platealmente in tinte nerazzurre; sono stato uno dei primi a cogliere per questioni di centimetri al volo la brillante idea di un amico, e a divenirne ben presto parte integrante.

Folgorato dall' amore per la beneamata, ma ancor prima per quello che è lo sport più bello del mondo, sarò ben lieto di accompagnare tutti voi in questo lungo viaggio, non mancando di sottolineare anche con un velo di sottile ironia tutto ciò che ruota intorno alla magica sfera che ogni domenica riempie in nostri cuori.

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.