| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Torino-Napoli, Spettacolo in una notte di fine Marzo

di Antonio Sorrentino, 16 Dicembre 2017

La scorsa giornata di campionato ha visto un sostanziale nulla di fatto nelle parti alte della classifica, con tutte le protagoniste dell’alta classifica fermate da pareggi senza reti. L’Inter capolista ha retto bene alla pressione della Juventus, uscendo indenne dallo Juventus Stadium e rinnovando la sua leadership in classifica. Del pareggio nella supersfida di Torino non hanno saputo approfittare il Napoli, protagonista di uno scialbo pari senza reti contro una Fiorentina in buona condizione, e la Roma, fermata dal Chievo che ha visto in Sorrentino un autentico muro insormontabile per gli avanti giallorossi. Per quanto riguarda la partita oggetto del seguente articolo, essa vedrà coinvolta una delle tre protagoniste in testa alla classifica: la sfida in questione è Torino – Napoli, in programma domani pomeriggio alle 18 allo Stadio Grande Torino. Il precedente narrato è invece la partita del 30 Marzo 2013, in cui il Napoli ha avuto la meglio con un pirotecnico 5-3.

 

Torino, 30 Marzo 2013. Il Napoli sale a Torino con l’intento di portarsi a casa i tre punti dopo la vittoria pomeridiana del Milan, balzato al secondo posto in classifica dopo la vittoria in casa del Chievo. L’avversario da affrontare è il Torino, che veleggia nei bassifondi ma che comunque gode di un vantaggio rassicurante sulle squadre in lotta per non retrocedere. Gli azzurri, che partono con la coppia Insigne – Pandev e Cavani inizialmente in partita, sono più pimpanti ad inizio gara e trovano la rete del vantaggio dopo 10 minuti con un gran tiro di Dzemaili che beffa Gillet dalla lunga distanza. Il Napoli è in ottima condizione e controlla bene la partita, lasciando pochi spazi al Toro e cercando il raddoppio attraverso azioni elaborate che portano gli avanti azzurri a diverse conclusioni da fuori. A sorpresa, però, è il Torino a pareggiare alla mezz’ora, ed il merito è di Barreto che sfrutta una serie di indecisioni della retroguardia partenopea. Nemmeno il tempo di gioire che il Napoli potrebbe tornare di nuovo avanti: Darmian atterra Maggio in area di rigore, e dal dischetto Hamsik si lascia ipnotizzare da Gillet. È l’ultima occasione della prima frazione, e Giannoccaro manda le squadre negli spogliatoi sul risultato di 1-1.

 

Secondo tempo. Pronti, via ed il Napoli si riporta subito in vantaggio: Dzemaili è lesto ad approfittare di una retroguardia del Torino non troppo attenta e a battere Gillet per la seconda volta, siglando il secondo ma non ultimo gol della sua partita. La partita scorre veloce con capovolgimenti di fronte continui che portano le due squadre a correre numerosi pericoli. Al minuto 65 Insigne viene richiamato in panchina da Mazzarri: al suo posto entra Cavani. Il Matador si rende protagonista in negativo al minuto 72: fallo di mano in area di rigore e massima punizione per il Torino, realizzata da Jonathas per il provvisorio 2-2. Il Torino ci crede ed inizia ad attaccare con maggiore convinzione e, complice una difesa del Napoli in vacanza, si porta in vantaggio sul 3-2 al minuto 77: Britos si lascia soffiare il pallone da Meggiorini, che si invola verso la porta di Rosati, dribbla il portiere azzurro e deposita in porta per il punto del 3-2. Tuttavia, la partita è lungi dall’essere terminata: dopo 3 minuti dal vantaggio granata, Dzemaili realizza la sua terza rete di giornata con una conclusione molto bella dal limite dell’area. 3-3 e tutto da rifare. A questo punto, il Matador decide che è arrivato il momento di farsi perdonare, riscattandosi ampiamente dopo il disastro che ha causato il rigore del 2-2. Al minuto 84, splendida punizione dalla media distanza e palla alle spalle di Gillet per il 4-3 partenopeo, infine al 90 rete di testa su cross di Armero per il 5-3. Giannoccaro decide che la contesa può essere terminata: il Napoli si prende i 3 punti e si riprende il secondo posto in classifica a scapito del Milan, mentre per il Torino arriva una nuova sconfitta, che tuttavia non pregiudicherà il pur anonimo torneo della formazione granata.

 

Torino – Napoli sarà l’anticipo di metà pomeriggio della diciassettesima giornata e si disputerà alle 18 allo Stadio Grande Torino. Entrambe le squadre non vivono un periodo di grande condizione atletica: tuttavia, il Torino nella scorsa giornata ha ottenuto una bella vittoria in casa della Lazio per 3-1; mentre il Napoli è stato fermato sullo 0-0 dalla Fiorentina di Pioli. I granata di Mihajlovic arrivano alla sfida senza particolari problemi di formazione; mentre per il Napoli saranno assenti i soliti Ghoulam e Milik, ed Insigne ritrova il suo posto nel tridente con Callejon e Mertens. Nonostante il periodo di appannamento, il Napoli appare favorito per la conquista dei tre punti, anche se comunque dovrà fare attenzione alla creatività e alla pericolosità degli avanti del Torino, che spera comunque nel ritorno al gol di Belotti, autentica delusione di questa prima parte di stagione. Quindi, visti i presupposti, è lecito attendersi una partita offensiva di entrambe le squadre, che dovranno cercare i tre punti per poter avere maggiore fiducia per il futuro o per continuare l’assalto alla vetta della classifica.

 

 

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.