| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

 Perché Arek?

di Mario Bocchetti, 19 Aprile 2020

In questi giorni impazza il mercato: soluzioni fantastiche dettate sia dalla necessità delle squadre, ma soprattutto dalla fantasia, necessità dei giornali. Il Napoli sembrerebbe alla ricerca di un nuovo numero 9, un vero bomber da mettere a disposizione di mister Gattuso per la prossima stagione. L’arrivo di un attaccante centrale darebbe sicuramente l’addio a Milik, un potenziale campione mai espresso al massimo delle proprie capacità viste le tante vicissitudini personali. Oggi lo ritroviamo, dopo quattro stagioni e 46 goal in maglia azzurra, ad un bivio: rinnovo o nuova esperienza?

 

Gli ultimi rumors di mercato parlano di un interessamento anche della Juventus sul ventiseienne polacco, anche se francamente questa ipotesi ci pare assai fantasiosa, ci chiediamo una cosa semplice: a chi conviene questa operazione di mercato?


Sgombrando subito il campo da dubbi legati all’enturage del calciatore, ovviamente a loro converrebbe un passaggio di maglia, ci chiediamo perché la Juventus dovrebbe andare a cercare un calciatore che non si è mai espresso al massimo rischiando di strapagarlo?


In questo mercato difficile ci aspettiamo tanti scambi per colpa di una sicura crisi di liquidità, a questo punto ci sono parecchi profili in maglia bianconera che potrebbero fare al caso degli azzurri, ma ci si scontrerebbe contro il nodo ingaggio. Altro nodo da non trascurare è la forte rivalità tra le due compagini: difficilmente dopo i burrascosi passaggi di Sarri e Higuain, più o meno indiretti, De Laurentiis potrebbe sedersi al tavolo senza incorrere in una nuova forte rottura con i tifosi appena riconquistati. Certo Milik ha sempre diviso gli azzurri e un suo passaggio in maglia bianconera potrebbe essere presto dimenticato dai tifosi, ma questo presuppone un investimento di una grossa cifra da parte di DeLa, ne avrà voglia?


Sta di fatto che la Juve dovrà sborsare una cifra sopra i trenta milioni per sostituire uno dei migliori 9 al mondo, che nel bene e nel male ha fatto la storia recente del nostro passato, per prendere una scommessa che, in una isola felice per i numeri 9 come Napoli, non ha saputo infiammare uno stadio rovente.


Lo stesso Milik potrà aggiungere al proprio curriculum il contratto in bianconero, ma lo potrà fare da comprimario, da riserva di un sontuoso Dybala che, al netto dello stop, è stato uno dei veri trascinatori dei bianconeri. Il polacco, che tatticamente può giocare con tutti, si dovrà abituare a rendersi decisivo anche a partita in corso, cosa mai digerita all’ombra del Vesuvio, e soprattutto dovrà riuscire a spartirsi il centro dell’attacco con Cristiano Ronaldo. Una scommessa non male per Sarri che già scricchiolava sulla panchina bianconera. 


© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.