| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

 I rossoneri vacillano ma non crollano

di Tuccio2010,  31 Gennaio 2020

Vittoria contro il Torino e passaggio alla semifinale della coppa Italia, il Milan apre alla grande questo inizio del 2020. Dopo la vergognosa sconfitta con l'Atalanta e in coincidenza con l'arrivo di Ibra, il Milan ha messo in fila il sesto risultato utile consecutivo (un pareggio contro la Sampdoria e cinque vittorie tra campionato e Coppa Italia contro Cagliari, Udinese, Brescia, Spal e Torino). Resta sempre un Milan sofferente, perché continua a subire gli avversari e a raggiungere il risultato negli ultimi minuti. Segno di forza fisica e di grande volontà, però le vittorie non sono nette e oggi potremmo stare qui a parlare di altre cose. Il processo di crescita è in corso, e se dovesse arrivare qualcuno per migliorare l'organico, sicuramente si potrà arrivare all'Europa, persa incredibilmente a un quarto d'ora dalla fine del campionato lo scorso anno.


Voglio mettere, proprio per questo, a confronto la classifica del Milan di quest’anno con quella dello scorso anno, dopo vent'uno giornate di campionato. Tralascio la Juventus, l’Inter e la Lazio, che fanno un campionato a sé, ovvero lottano per lo scudetto, e né il Milan di quest’anno e ne tanto meno quello dell’anno scorso, hanno mai pensato di lottare per i primi tre posti. L'obiettivo più o meno dichiarato è sempre stato il quarto posto che dà l’accesso alla Champions.


Partiamo dalla Roma con 39 punti, (+5) rispetto all'anno scorso ed è quarta, la posizione che il Milan dovrebbe raggiungere senza fare voli pindarici. Otto punti con quasi un girone di ritorno a disposizione non sono poi tanti. il Milan di Gattuso in questo periodo, in fondo, aveva solo quattro punti in più, riconquistando il quarto posto. La squadra sta pagando per tutte le partite pareggiate in questo periodo. Matematicamente tutto è ancora possibile, il Milan però non si è ancora ripreso del tutto. 

L’Atalanta ha 38 punti (+6), va come il vento, ma per un eventuale sesto posto del Milan non dovrebbero esserci problemi. Anche se il Cagliari è a 31 punti, (+10) rispetto allo scorso campionato, così come il Parma 31 (+3) e lo stesso Milan, senza dimenticare il Verona che ha realizzato 29 punti con una partita in meno.


Il Napoli ha 27 punti, (-21) in relazione allo scorso anno, con un rinnovamento dell’organico potrebbe costituire l’avversario più accreditato per un Milan che non sta benissimo, Proprio per questo che mostra ancora molte difficoltà. Contro il Torino così come contro il Brescia, il Milan ha fatto una buona partita, ma non riesce a chiudere le partite e dopo mezz’ora si concede agli avversari.

Il problema per me è in mezzo al campo, dopo mezz’ora il Milan comincia a soffrire e mette in difficoltà la difesa, gli avversari arrivavano con estrema facilità in zona tiro e non si vincono più duelli. A Brescia e con il Torino si sono perse tante occasioni e menomale che infine i tre punti arrivano, la squadra non riesce ancora a compattarsi attorno al centrocampista di riferimento e si concedono troppe giocate al fulcro del gioco avversario.


Non so se in questo mercato è presa ancora in considerazione la possibilità di un centrocampista al fianco di Bannacer, poiché non ne sento più parlare. Sembra che ci sia l’accordo tra Milan e Siviglia per Suso, sulla base di un prestito a 18 mesi con obbligo di riscatto in caso di qualificazione in Champions League del Siviglia. Al momento non si conosce la cifra del riscatto, per sostituirlo oltre a Januzaj si sta trattando anche il 21enne Saelemaekers dell'Anderlecht, valutato tra i 10 e i 15 milioni di euro. Un’altra trattativa che potrebbe sbloccarsi, e poi dare il via ad altre operazioni, è quella di Rodriguez al Napoli con il prestito oneroso e diritto di riscatto. Per sostituirlo torna in voga Juan Jesus, che però la Roma non vorrebbe cedere in prestito, mentre Robinson del Wigan sembra abbia costi eccessivi, ma in tutto questo non si parla più di Kessie e dell’arrivo di un altro centrocampista.



© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.