| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Il Diario di Pietro: Juventus-Sassuolo

di Pietro Giancristiano, 06 Dicembre  2019

La giornata di campionato di Domenica vede la Juve giocare alle 12.30 a Torino contro il Sassuolo. Per noi tifosi vuol dire levataccia al mattino, ma cosa non si farebbe per la nostra amata. Giornata di pioggia ma il campo sembra perfetto. La Juventus scende in campo con Buffon, Cuadrado, Bonucci, De Light, Alex Sandro, Emre Can, Pjanic, Bentancur, Bernardeschi, Ronaldo e Higuain. Si avete letto bene, la Joya, il giocatore più informa della rosa è fuori dagli 11 titolari. 


La Juve va subito al tiro con Emre Can che riceve il pallone dalla destra di Higuain però il tedesco non concretizza. Poco dopo occasione per il Sassuolo che con una punizione dal limite impegna Buffon. Al 20esimo la Juve passa in vantaggio. Cuadrado arriva sul fondo, passa la palla indietro a Bentancur, il quale controlla e passa al centro per Bonucci che arriva da dietro, controllo e tiro di destro. 1 a 0

Boato dello Stadium, sugli spalti si festeggia e si pensa che sarà una domenica di goleada. Purtroppo non sarà così. 

Il Sassuolo riparte subito ma la Juve riconquista la palla e guadagna un calcio d’angolo. Batte Bernardeschi, la palla viene recuperata dal Sassuolo che parte in contropiede, scambio Boga-Caputo (il quale fa il tunnel ad Alex Sandro), ed il ragazzino batte con uno scavetto Buffon. Siamo 1 a 1, tutto lo stadio incredulo.

Dopo il pari Neroverde non si segnala quasi nulla. La Juve non riesce a reagire al goal subito, tanto che al 37esimo è lo stesso Sassuolo ad andare vicino al vantaggio, con un colpo di testa di Traore, rimasto solo in mezzo a De Ligt e Alex Sandro. Boga salta due bianconeri e meno male che De Ligt interviene mettendo in fallo laterale. Siamo al 45esimo e l’arbitro manda tutti negli spogliatoi.


Si ricomincia. Cuadrado sulla destra controlla un pallone sporco e con molta difficoltà lo rimanda indietro, la palla finisce nella terra di nessuno tra De Ligt e Buffon, al limite dell’area. Non si capisce se il portiere abbia prima chiamato la palla al giovane Olandese o se non si aspettava di riuscire ad arrivare sul  pallone. Sta di fatto che accade un disastro. 

De Ligt rinvia di destro ma non troppo forte tanto da facilitare la presa della palla a Caputo che controlla e tira subito in porta, Buffon sta arretrando e quando parte il tiro è ancora mal posizionato ed arriva il goal del Sassuolo. 

Reazione immediata della Juve che va al tiro su punizione. Ronaldo impegna Turati che mette in calcio d’angolo. Altra occasione per la  Juve col 21. 

Ronaldo controlla palla e scarica sulla sinistra ad Emre Can che crossa al centro, la palla arriva sul piede destro di Gonzalo che non riesce a dare forza al tiro e la passa a Turati. Al 53esimo c’è un’occasione per la Juve: cross dalla sinistra e la palla arriva a Cristiano che va in rovesciata ma il pallone non ha forza, finisce nei pressi di Emre Can che non riesce a lanciare in rete. 

Intanto entra la Joya al posto di un mediocre Bernardeschi (fischiato dal pubblico mentre passa sotto la curva nord e lui pone la mano all’orecchio per sfida). La Juve si accende e diventa più imprevedibile. Dybala al 66esimo si rende pericoloso andando al tiro di destro deviato in calcio d’angolo da Turati. Poco dopo arriva il pari della Juventus. 

Cristiano lancia per Dybala ma Romagna lo stende in area: è calcio di rigore. Va sul dischetto Ronaldo che con estrema calma realizza il pareggio. Poco dopo altra occasione per la Juventus, contropiede condotto da Higuain che serve Dybala, controlla e gira su se stesso ma colpisce in pieno Cristiano che si trovava davanti alla porta. Probabilmente la palla sarebbe entrata in rete dato che Turati era battuto. 

Si assiste ad un forcing bianconero che però è del tutto sterile. Ultima occasione prima del triplice fischio è il tiro centrale di Ramsey all’88esimo. Arriva il fischio finale dopo 4 minuti di recupero. 

Primo pareggio stagionale in casa per la Juve. Delusione per tutti i tifosi, ci si aspettava una Juve tosta e cinica e più che altro una Juve in goleada (quest’anno non si è assistito a tanti goal fatti senza subirne). Una Juve distratta in fase difensiva e poco cinica in fase offensiva ma sempre sotto ritmo, porta a casa un punto e come ben sapete a fine serata perderà la testa della classifica.


Buffon: 4.50 Primo tempo inoperoso passato a guardare la partita. Sul primo goal non può nulla, è stato bravo Boga a fargli lo scavetto. Sul secondo goal ha piena colpa (perché è uscito al limite dell’area?) va giù troppo lentamente e la palla gli passa sotto al corpo. 


Cuadrado: 6 un po’ confusionario in fase difensiva, nel goal del 1/2 ha responsabilità come De Ligt e Buffon. Spinge e pressa alto subito dopo lo svantaggio e cerca di servire gli attaccanti. 


Bonucci: 6.50 ha il merito di portare in vantaggio la Juve con un preciso tiro da fuori area. Insieme a tutta la difesa balla anche lui quando il Sassuolo attacca in velocità. 


De Ligt: 5 è tornato dopo un mese e mezzo ad essere insicuro. Nel centro area le prende tutte lui di testa, ma è impreciso negli appoggi. 


Alex Sandro: 5 arriva sul fondo e non crossa mai. È colpevole del primo goal subito, facendosi fare il tunnel da Caputo.In fase difensiva fa il suo.


Bentancur: 7 è uno dei pochi che si salva. Corre tantissimo e recupera un sacco di palloni. In un’azione in uscita con palla al piede rischia di perdere il pallone ma dal pericolo ne esce tra gli applausi. 


Pjanic: 6 solito lavoro di regia a centrocampo. Serve in profondità Higuain che tira al volo e va vicino al goal su punizione nel secondo tempo.


Emre Can: 5 voleva giocare da titolare ma se gioca così meglio nel Under 23. Non fa un passaggio giusto neanche a sognarlo.


Bernardeschi: 5 non so più cosa dire su di lui. Corre, ma sbaglia passaggi e posizione in fase difensiva


Ronaldo: 5.50 mezzo punto per la freddezza nel rigore del pareggio. Primo tempo molto anonimo, nel secondo tempo insieme a Gonzalo cerca di dare la scossa alla squadra, va al tiro ma viene sempre murato. Tira una punizione potente dove il portiere Emiliano compie un miracolo. 

Higuain: 5.50 il bomber non era in forma (come a Morata Martedì) non va convinto su un pallone davanti al portiere Sassolese e glielo passa. Si muove tanto ma è sempre marcato benissimo dai centrali avversari 


Matuidi: 6 con lui in campo la Juve sembra in più. I soliti polmoni del centrocampo. 


Ramsey: 6 si vede che il ruolo dietro le punte gli è congeniale (più che a Bernardeschi). Ha sul piede destro la palla per portare in vantaggio la Juve ma il tiro non è abbastanza potente per impensierire il giovane portiere del Sassuolo.


Dybala: 6.50 è l’uomo in più adesso. Si vede che è in forma e consapevole dei suoi mezzi. Ha il merito di procurarsi il rigore, va vicino al goal altre due volte ma Turati è insuperabile. 


Saluti dal vostro Gobbo









© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.