| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Il Milan  stravince

   di Tuccio2010,  24 Giugno 2020

Complimenti a Gattuso per la vittoria in Coppa Italia, una vittoria che è il giusto riconoscimento all'uomo e al tecnico capace di resettare un ambiente da sempre ostile ai grandi allenatori come Benitez e Ancelotti. 

Non me ne voglia nessuno, ma Gattuso anche se è cresciuto, per me resta un allenatore medio, un altro “normalizzatore” senza gioco e il Milan non ha bisogno di un allenatore normale ma di uno straordinario. Nessun rimpianto!

Mi dispiace che la finale l'abbia giocata la Juventus a causa del solito rigore dubbio dell'andata all'ultimo minuto, come dice Buffon: “…Quell’arbitro al posto del cuore aveva un bidone della spazzatura”. 

Mi dispiace che due grandi calciatori degli anni 60/70 siano scomparsi in questi giorni, portandosi con sé i ricordi di un calcio meraviglioso che non c'è più. Un saluto a Corso e a Prati.


Ho visto un buon Milan contro un complice e modesto Lecce, escludendo la deprimente parentesi col Genoa, nel Milan si nota continuità anche senza Ibra e una buona crescita di Calhanoglu e Castillejo. Si è visto un Milan capace di stravincere con una squadra di bassa classifica, segnando addirittura quattro gol.

Pioli continua il suo apprezzabile lavoro di “normalizzatore” e sta trasformando il Milan nella squadra che era nelle intenzioni iniziali e che fino ad ora  non è stato possibile ammirare. Niente di particolare, ma non è la squadra che ha stentato fino a dicembre nella parte destra della classifica, tutt'altro invece, è una squadra capace di esprimere un gioco corale e di evidenziare anche il singolo come Castillejo.

Ha attaccato fin dal primo minuto e ha reagito subito dopo il pareggio del Lecce su rigore, dimostrando volontà e carattere. Requisiti che fanno ben sperare per la rincorsa a un posto in Europa.

Domenica ci sarà un bel banco di prova (la Roma), che può certificare i progressi, è chiaro che al di là del gioco o della continuità, il Milan dovrà vincere per tornare a livelli europei, anche se il livello è di seconda fascia.


La speranza per kjaer è che non si sia fatto nulla di grave, ha primeggiato per tutto il tempo in cui ha giocato. 

Kessie da quando gioca in coppia centrale (lo scorso anno con Bakayoko) è di una concretezza disarmante e domina in mezzo al campo, anche Castillejo è attivissimo sulla fascia, Calhanoglu distribuisce assist a volontà ed è presente in ogni parte del campo per tutta la partita. 

Dispiace per Bonaventura che ha tanta voglia di fare e di restare, Rebic invece ha una condizione fisica pazzesca, che gli permette di continuare a fare delle ottime prove.

Ci sono le basi per conquistare l'Europa in questo finale di stagione e per costruire una squadra di livello per la prossima. 

In questa ripresa ha dimostrato di valere anche qualche posizione in più rispetto a quella che occupa e di credere nella possibilità di arrivare al settimo posto, per raggiungere i preliminari di Europa League.


Per quanto riguarda il mercato è sfumato Kouassi a costo zero, considerato il partner ideale per giocare in coppia con Romagnoli (nonostante i suoi 18 anni). La sua alternativa Kalulu, anche lui a costo zero, è il prototipo del calciatore del progetto Milan giovani.

Purtroppo il Milan al momento (spero solo al momento) non può competere tecnicamente e né economicamente con il Bayern Monaco e con tutti gli altri maggiori club europei.

La mia paura ora è che potremmo perdere anche Szoboszlai (19enne del Salisburgo) per il quale la concorrenza sta aumentando in modo sfrenato.

Sembra invertirsi la situazione con l'Eintracht: l'impressione era che André Silva dovesse ritornare al Milan senza ricavarne neanche un piccolo acconto sul saldo di Rebic, ed invece con sette reti in nove partite è riuscito a trovare una continuità realizzativa spaventosa.

L'Eintracht adesso spinge per riscattarlo e sicuramente a cifre superiori a quelle che il Milan dovrà versare ai tedeschi per riscattare Rebic.

La scorsa estate i due club si sono accordati per il doppio prestito biennale di Rebic ed André Silva, senza fissare alcuna cifra per un eventuale riscatto. I tedeschi potrebbero accelerare le trattative, per evitare che il valore del portoghese cresca ancora di più e che al Milan arrivino offerte golose da altri club, l'ipotesi più concreta è quella di uno scambio alla pari.


Durante la riunione dei vertici societari a Milanello, prima della trasferta di Lecce, hanno provato a ricompattare la squadra per provare a centrare l'obiettivo Europa League. 

Gazidis ha ribadito la fiducia all'allenatore, chiedendogli di lavorare senza badare alle voci che circolano, anche se il destino di Pioli è già segnato a prescindere dal piazzamento finale. Gazidis ha provato a rasserenare l'ambiente ma in futuro sulla panchina ci sarà quasi con sicurezza Rangnick.

Sembra infatti che l'intesa con Rangnick è oramai stata raggiunta da tempo e che si tratti di un accordo triennale.  Tutto si ufficializzerà nel giro di un mese e nel frattempo si spera di arrivare in Europa.

Il prossimo mese Gazidis oltre ad ufficializzare l'arrivo di Rangnick, dovrà chiarire il futuro di Maldini, da cui la proprietà (Elliott) non vorrebbe separarsi, il problema però è la convivenza e l'impossibilità di lavorare in collaborazione tra i due.


Sempre per quanto riguarda il mercato, bisognerebbe riuscire a cedere gli esuberi e mettere a segno almeno due colpi importanti: Jovic e Bakayoko.

Il Chelsea sta preparando la prossima stagione pensando in grande, ha già acquistato Ziyech e Werner, e punta ad Havertz e Chilwell.  Dovrà cedere però più di qualcuno per fare cassa e tra questi c'è Bakayoko, che a questo punto potrebbe costare a prezzo di saldi.

Il Monaco non lo riscatterà e il Chelsea potrebbe accontentarsi di un prestito con obbligo di riscatto, ma per lui vale lo stesso discorso di Jovic, ossia, dovrebbero abbassarsi l'ingaggio.

In difesa continua a piacere Milenkovic della Fiorentina, la sua valutazione è di 35 milioni e si potrebbe aprire un discorso con Paquetà che piace alla Fiorentina.


Jovic sembra ribadire la sua volontà di andare al Milan e si ragiona su un prestito biennale con obbligo di riscatto, anche Donnarumma 

sembra essere sempre più vicino e Kessie ha detto di sentirsi a casa e di non voler lasciare il Milan. Il centrocampo con o senza Kessie sarà da ricostruire date le partenze sicure di Bonaventura, Biglia e probabilmente di Krunic, Kessie e Paquetà.

A questo punto si afferma l'idea mai accantonata di arrivare a Keita che lascerà Liverpool e potrebbe arrivare al Milan grazie a Rangnick. Il classe 1995 la prossima estate potrebbe essere ceduto e raggiungere il suo mentore, magari in prestito.

© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.