| UNA QUESTIONE DI CENTIMETRI |

Il   Palermo è sempre in bilico

di Tuccio2010,  14 Gennaio 2020

Dopo l'euforia iniziale non ho voluto più scrivere del Palermo, perché la squadra nonostante le vittorie stentate e striminzite, continua a  giocare male, e dal momento che non mi va di criticare il gioco, anzi il non gioco del Palermo, ho preferito non scrivere più.


Chiaramente non condividono la scelta di Pergolizzi e mi dispiace dovere costatare che avevo ragione. Il presidente Mirri giustamente deve difendere l’operato dell’allenatore, la loro scelta e non deve creare panico tra i tifosi o cominciare a cambiare tecnici in rapida successione come faceva Zamparini, ma una cosa è certa, il Palermo non gioca e questo a lungo andare si paga.

Non possiamo e non dobbiamo dimenticare che il Palermo è in Serie D e se non si vince il campionato quest’anno, tutto diventerà complicato, e bisognerà dire addio al piano triennale con la capitalizzazione programmata. È una squadra che ha un gioco povero di idee e che non esalta.

Rischia di essere risucchiata nel calderone dei play-off, e non è di sicuro una bella prospettiva, sia per i tifosi che per la società.


Non è nelle mie intenzioni dare consigli, ma per tornare in vetta alla classifica e vincere il campionato, se non c’è il gioco almeno servono giocatori che da soli facciano squadra. Calciatori che straccino il campionato come ha fatto il Bari lo scorso anno, in serie D. Si ha la voglia di vedere un Palermo che gioca a calcio, si vorrebbe vincere e stravincere. Quando si potrebbe vincere se non in questa categoria?  

II gioco latita, e il Savoia potrebbe essere a un solo punto, senza dimenticare che ha recuperato già dieci punti nel solo girone d’andata. 

Come dice Mirri dobbiamo andare via da questa categoria, ma così non ci siamo. I rosa realizzano  prestazioni una peggiore delle altre, non riescono a creare delle limpide occasioni da rete, azioni veramente pericolose, ma solo azioni sconclusionate. Una noia infinita!


Di questo passo il Palermo rischia seriamente di vedere messa in discussione la promozione, e ciò sarebbe clamoroso. Credo che sia arrivata l'ora delle decisioni, che a questo punto potrebbero essere determinanti per la serie C.

Bisogna pur fare una scelta per una squadra che si regge esclusivamente sull'improvvisazione e la superiorità dei singoli, di quei calciatori che l’occasione se la creano.


© 2016 Una Questione di Centimetri. Tutti i diritti riservati. Il sito è interamente ideato e realizzato da Ciro Ruotolo e Mario Bocchetti.

L'immagine di testata (così come quelle originali, ove specificato) sono opera e proprietà di Martina Sanzi.